In Un Palco Della Scala

In un palco della Scala
Autori: Pietro Garinei, Alessandro Giovannini (parole), Gorni Kramer (musica)

E’ uno dei capolavori prima maniera del trio Garinei-Giovannini-Kramer, scritto per la rivista Gran baraonda (1952) – con Wanda Osiris e Alberto Sordi – e consegnato al Quartetto Cetra, che ne ha fatto un proprio cavallo di battaglia oltre che un modello di canzone-spettacolo.

Il brano ha infatti vissuto di vita propria come singolo a 78 giri, incluso poi in varie antologie a 33 giri e reinciso più volte nell’era del CD. Testo e musica omaggiano il tempio della lirica meneghino, le voci che l’hanno reso famoso, i musicisti, le opere e le mode in un’ottica nostalgica nei confronti di un rituale che si rinnova da oltre un secolo: la passione condivisa per la grande musica, con il suo contorno di convivialità (“l’appuntamento nel buffet/un sorso di marsala/due tre marron glacés/e all’uscita la fioraia della Scala/offre un mazzolino di pansé). Già da queste sofisticate rime in un francese allora più che adesso parte integrante della lingua italiana (d’élite – appunto…) si avverte la tronfia sicumera di un pubblico borghese che alla Scala celebra i propri miti e corrobora le proprie certezze.

La canzone è ambientata “nel gennaio del novantatrè”, che fa rima con décolleté e coupé. La Milano che conta è venuta ad applaudire Tamagno, la Bellincioni e Stagno (divi dell’era pre-disco), in un cartellone che include Massenet, Bizet, Verdi e Puccini. Poi arriveranno Mascagni e Zandonai, e quindi il valzer – qui la musica passa dallo swing al tre quarti – poi rimpiazzato dall’Americano a Parigi portato da Toscanini – e anche in questo caso si avverte la citazione di Gershwin. Kramer è stato uno dei più importanti jazzisti italiani e i Cetra – già cresciuti con il mito del jazz - ne hanno assimilato lo spirito con ironia, confezionando una delle loro interpretazioni più riuscite.

额外信息
额外信息
Anno 1952
Autore Garinei
Giovannini
Kramer
Esecutore Quartetto Cetra
Casa discografica Cetra
Provenienza Il Discobolo