I sing ammore, le canzoni di Pino Massara

I sing ammore, le canzoni di Pino Massara

Compositore e direttore d’orchestra, Pino Massara (Giuseppe Previde – Massara, Vigevano 1931 – Padova 2013) è stato un prolifico e originale autore di canzoni. Laureato in chimica, ma con cinque anni di Conservatorio alle spalle, scelse la musica debuttando nel 1959 con diversi brani che segnarono lo stile crooner di Nicola Arigliano, al punto che Nat King Cole dopo aver ascoltato la sua incisione di Permettete signorina, scelse di proporla come sigla d’apertura dei propri concerti europei col titolo Cappuccina. Massara è anche largamente responsabile del decollo di Al Bano, firmandone – con testi di Vito Pallavicini - i primi successi del 1967 (Nel sole – con relativo ‘musicarello’ di cui compone la colonna sonora) e 1968 (La siepe, presentata a Sanremo). Fortemente orientate verso ritmi e sonorità internazionali (rock ‘n’ roll, cha cha cha, tango, rhythm & blues), le canzoni di Pino Massara verranno incise da artisti come Dean Martin (Grazie prego scusi), Wilson Pickett (Deborah, scritta con Paolo Conte), Los Chakachas (Por dos besos, lanciata da Bruno Martino) e negli anni Settanta dai Boney M, star dell’Eurodisco (Margherita). Oltre ad un nutrito gruppo di canzoni per la Mina degli esordi, spiccano vari titoli per Celentano, tra cui La coppia più bella del mondo. Numerose le colonne sonore di film, commedie teatrali, sceneggiati, sigle di programmi televisivi e radiofonici (es. Batto 4, con Gino Bramieri) e una rilevante partecipazione allo Zecchino d’Oro che resterà nella memoria collettiva dell’Italia bambina (Il coccodrillo).