Mani bucate

Mani bucate  (Sergio Endrigo) – Sergio Endrigo -  1965

Nel 1965, chiusa l’esperienza discografica con la RCA Italiana che gli aveva fruttato il grandisssimo successo di Io che amo solo te, Sergio Endrigo passò alla Fonit Cetra e nell’estate di quell’anno pubblicò il suo primo 45 giri per la nuova etichetta. Mani bucate era una delicata canzone d’amore nello stile di Endrigo, con un bel movimento ritmico e con un sound giocato tutto sugli strumenti acustici, e persino l’assolo (in un periodo di grande spolvero per le chitarre elettriche) era eseguito da una chitarra classica, come quella che campeggiava in copertina accanto al cantante vestito di tutto punto con giacca e cravatta. Del resto quello era lo stile di Endrigo, discreto e leggermente distaccato da ciò che cantava, quasi una narrazione dall’esterno del contesto, anche quando cantava in prima persona, ed era uno stile vincente se è vero che a distanza di tanti anni le sue canzoni sono ancora attuali, e anche il sound di Mani bucate, con un bell’arrangiamento di Mario Migliardi, non suona affatto datato e procede spedito e leggero dall’inizio alla fine della canzone. La canzone venne pubblicata in Grecia, in Francia, in Romania, e poi in Brasile, in Messico, in Perù e in Argentina, a conferma della crescente popolarità di Endrigo in tutto il Sudamerica. In Italia venne ripresa qualche anno dopo da Marisa Sannia e Dino Cabano e anche in Grecia da un cantante italiano attivo in quel paese, Tony Pinelli; poi si arriva al 1980 con una versione in castigliano, Manos de viento, di Luis Ferri e nel 2008 sono i Têtes de Bois  a riproporla nel disco tributo a Endrigo promosso dal Club Tenco. La canzone venne anche inserita, insieme a tante altre del periodo in una sorta di colonna sonora composita e non realizzata per l’occasione, all’interno di Io la conoscevo bene, un bel film del 1965 di Antonio Pietrangeli, con Stefania Sandrelli nel ruolo di protagonista.

Mani bucate
Additional Information
Additional Information
Anno 1966
Artista Sergio Endrigo
Album Endrigo (1966)
Casa discografica Rhino